Infermieri master online

Laptop formazione ecm

L'idea del programma di "Educazione Continua in Medicina per i professionisti sanitari" in Italia è nata oltre 20 anni fa, l'obbligo della formazione continua è stato previsto prima dal DLgs 502/1992 e poi integrato dal DLgs 229/1999.

Nel 2002 il programma ECM viene avviato e oggi ad ogni triennio è necessario acquisire 150 crediti ECM, integrati dalle dovute riduzioni.

Soldi pensione, contributi, risparmio

Gli infermieri liberi professionisti si lamentano di pagare troppi contributi ad ENPAPI è un dato reale o solo un'impressione perchè non conoscono quanto pagano gli altri infermieri. Le cifre versate sembrano alte e spesso si legge sui social che sembrano eccessive, ma quanto versano gli altri lavoratori?

ENPAPI è la cassa pensione degli infermieri liberi professionisti a cui vengono versati i soldi che sono accantonati e consentiranno di avere una pensione. 

Quiz dei concorsi

Il concorso che ufficializza la prova unica è in arrivo, gli infermieri si troveranno a dover affrontare la sola prova scritta durante lo svolgimento del concorso per infermieri dell'ASST  Lariana.

La possibilità di effettuare una prova unica è prevista dall'articolo 10 del decreto legge  1 aprile 2021, n. 44, "Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici"  pubblicato nella GU Serie Generale n.79 del 01-04-2021.

 infermiere braccia conserteIl demansionamento si verifica quando un professionista si trova a svolgere regolarmente e in modo prevalente le attività di un altro lavoratore con un livello retributivo più basso, sembra semplice da dimostrare, ma non è così.

Il caso della sentenza a favore degli infermieri iscritti al Nursind contro l’azienda Cannizzaro di Catania, responsabile di aver adibito gli infermieri a mansioni inferiori, è molto interessante perchè replicabile.

Vaccino coronavirus

Il DDL 1 aprile n.44 ha introdotto due novità, lo scudo penale per chi vaccina e l'obbligo vaccinale per tutti i lavoratori della sanità pubblica o privata in alternativa la sospensione dal lavoro senza stipendio. Il DDL è valido fino al 31 dicembre 2021 salvo proproghe.

Il DDL riguarda gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2.

In Italia ci si accanisce sugli operatori sanitari per l’ennesima volta puntando il dito contro chi non ha provveduto a vaccinarsi per delicate questioni magari personali o di credo.

Eppure la questione degli operatori sanitari di una RSA di Belluno, ritenuti inidonei temporaneamente alla mansione, ha messo in campo la questione tra obbligo e sicurezza del datore di lavoro e libertà a vaccinarsi.

In assenza di una sentenza definitiva si cita invece l’iniziativa della senatrice FI infermiera Ronzulli di rendere obbligatorio il vaccino per gli operatori sanitari dopo averli tutelati.

Vaccino coronavirus

Belluno: la notizia è di poche ore fa da parte del Corriere Veneto, un giudice ha dato sentenza favorevole al datore di lavoro che ha sospeso infermieri e OSS che non si sono vaccinati.

Le speculazioni giornalistiche sono alle stelle, non vedevano l'ora di dire che un no vax viene sospeso dal lavoro e che tutti quelli che non si vaccinano saranno licenziati, ma non è così perchè la storia riportata ha delle lacune importanti.