Per cateterismo vescicale si intende l’introduzione provvisoria o permanente di un catetere sterile in vescica per via transuretrale o sovrapubica a scopo diagnostico, terapeutico o evacuativo. Il cateterismo si definisce a breve permanenza (o a breve termine) quando il catetere è mantenuto in sede per pochi giorni (al massimo fino a 2 settimane); quando invece il catetere è mantenuto per un periodo più lungo si definisce cateterismo a lunga permanenza (o a lungo termine).

Nota:

Autore di questo documento è l'infermiere Luciano Urbani, da decenni la massima autorità scientifica sul tema, autore di www.inferweb.net e fondatore di slow nursing.