Lunedì 27 Marzo 2023

2022 aran firma ccnlIl rinnovo del CCNL Sanità arriva al culmine con la firma definitiva da parte dei sindacati.

Le aziende sanitarie hanno 30 giorni di tempo per pagare gli arretrati, visto che i 30 giorni scadono il 2 dicembre potrebbero saldare gli arretrati con lo stipendio di dicembre 2022.

Un piccolo aumento che non compenserà gli aumenti del carburante, dell'energia e della spesa.

L'Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) ha comunicato la data definitiva:

La Corte dei conti, nell’adunanza del 27 ottobre 2022, ha certificato positivamente l'ipotesi relativa al contratto collettivo nazionale del Comparto Sanità per il triennio 2019-2021.

A conclusione dell'iter istituzionale, il presidente dell’Aran, Antonio Naddeo, ha convocato tutte le organizzazioni sindacali per la firma definitiva del contratto, il giorno 2 novembre 2022, ore 15,  presso la sede dell’Agenzia.

Con il via libera definitivo della Corte terminano tutti i passaggi della fase di controllo per il CCNL che riguarda circa 550mila dipendenti del comparto, dipendente delle aziende ed enti del Comparto Sanità.

fonte ARAN https://www.aranagenzia.it/

L' Ipotesi CCNL comparto sanità 2019-2021 diventerà definitiva domani e leggendo ovunque tutte le sigle sindacali riportano che entro 30 giorni le aziende sanitarie devono provvedere alla corresponsione degli arretrati. Questo però a conti fatti, comporta che il 3 dicembre scadono i 30 giorni e di conseguenza gli arretrati potrebbero arrivare a Natale con la tredicesima.

Aspettiamo inoltre, per vedere cosa resta di quegli arretrati perchè gli importi presentati nelle tabelle sono lordi e dovranno essere tolte tasse e contributi pensionistici.

Il nuovo CCNL va scaricato e letto, perchè mi sembra che i sindacati abbiano favorito gli aumenti per i pochi che avranno degli incarichi piuttosto che l'aggiornamento delle indennità specifiche che riguardano tutti.